menu
PASSIONE CARACCIOLA

GRAN PREMIO DELLA SVIZZERA


Gran Premio della Svizzera

Le gare di Formula 1 sono tra le manifestazioni più seguite al mondo. Sono pochi però coloro che sanno dell’esistenza di un Gran Premio della Svizzera, che è stato parte integrante del campionato di Formula 1 dal 1934 sino al 22 agosto 1954. In quella storica data, infatti, andò in scena l’ultima corsa sul Circuito di Bremgarten, uno dei tracciati più lunghi, pericolosi e impegnativi del mondiale. 

La gara rivestì un’importanza fondamentale nella vita di Rudolf Caracciola, l’unico pilota a vincere tre edizioni del GP di Svizzera. Fu proprio al Bremgarten che il pilota finì contro un albero a causa del blocco di un freno. Alla moglie, accorsa sul luogo, disse: "Non ti preoccupare, si è rotta la gamba buona, se si accorcerà come l’altra non zoppicherò più”. È la fine di una carriera eccezionale. 

Pochi anni più tardi, sull'onda dell'emozione provocata dalla tragedia della 24 ore di Le Mans nel giugno 1955, il Governo Svizzero decise di proibire tutte le gare motoristiche sul suo territorio decretando la fine del circuito del Bremgarten. Da li in avanti, i vertici nazionali decisero di proibire gare di quel genere sul territorio elvetico. 

Nel 2007 ci fu un tentativo di abolizione del divieto, ma il Consiglio degli Stati respinse l’iniziativa.

Durante il mese di dicembre 2015 è stato ufficializzato che il circuito con partenza in via Balestra da Lugano per ospitare il Grand Pix Elettrico (Formula E) da maggio 2016 è conforme alle attese della Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA). 

Share
  • Twitter
  • del.icio.us
  • Digg
  • Facebook
  • Technorati
  • Reddit
  • Yahoo Buzz
  • StumbleUpon